Andrea Doria, l’ammiragliu genuvesi

Un’articulu ricacciatu da l’Almanaccu di A Muvra publicatu in 1927, pagina 139.

Andrea Doria, principe di Melfi
Per l’ultimu quartu di u seculu XV e per più di a metà di u XVI, a storia di Genuva è occupata da a figura di Andrea Doria, u più grande ammiragliu di i so tempi.
A Cosica per duie volte, a dece lustri di distanza (ne u 1507 e ne u 1553), fù da l’illustre ligure, riposta à l’obbedienza di l’Ufficiu di San Giorgiu e di a Serenissima Ripublica. Un riassuntu di a vita di stu famosu capitanu trova pizza in st’almanaccu cume cuntribuzione a u studiu di a nostra storia.
Nacque Andrea Doria u 30 nuvembre 1466 da quella famiglia chi avìa datu a Genuva tremendi cunduttieri e amministratori, fra i quali Obertu Doria, vincitori di a Meloria (6 Agostu 1284) e Lamba e Paganu Doria, ambedui dumatori d’i Veneziani ne e terribile bataglie navale di Curzola (8 sittembre 1298) e di a Sappienza (4 nuvembre 1354).
Sedicenne, Doria lasciò, ne u 1484, Genuva per Roma duv’ellu s’iniziò, a u serviziu di u papa Innocenzu VIII, a u mistiere di l’arme.
Mortu Innocenzu ed elettu papa Alessandru Borgia, u giovane andò per qualchi tempu a’corte di u Duca d’Urbinu poi passò a Napoli duv’ellu guerreggiò contru Carlu VIII di Francia in difesa di u re Ferdinandu d’Aragona e di u so sucessore Alfonsu. Creatu cavaliere d’i Templari, dopu un suggiornu in Terra Santa, Andrea passò sottu a bandera francese e si distinse in molti scontri.
A Corsica essendusi, ne u 1503, ribellata a l’Ufficiu di San Giorgiu, Doria fù messu a u capu d’una spedizione inviata ne l’isula e quindi adempù l’incaricu cun ottimu risultatu. Mutatusi da guerrieru terrenu in navigatore, ne u 1512 a serenissima ripublica li affidò e so galere.
Ne u 1522, Andrea ; numinatu cumandante di a flotta francese, libera Marseglia dall’assediu di i Spagnoli. Francescu I essendu statu fattu prighiuneru a Pavia, Doria andò à u serviziu di Clemente VII è, in qualità di ammiragliu ponteficiu, pigliò parte a’ guerra di a Legua Santa contru Carlu V.

E076F41F-E26A-4B96-9EF1-DC7E4A0039B6.jpeg
Ritrattu di Sebastianu del Piombo nu u palazzu Doria Pamphili à Roma.

Riturnatu a Francescu I attempu chi quessu fù liberatu, Andrea ricevì da u re l’Ordine di San Michele ed ebbe u titulu di l’ammiragliu di Francia.
Ma, ne u 1528, scaduta a cunvenzione stipulata fra Doria e Francescu I, a rinnuvalla, l’ammiragliu messe cume cundizione u rispettu di i patti cunclusi ne u 1515 cu a Ripublica. Sta pretenzione parse oltraggiosa a u monarca chi decretede a remozione di a carica tinuta da u fieru genuvese.
Ne u stessu annu, Doria passatu à u serviziu di l’imperatore Carlu V, salpava per Napuli cu dodici galeri, liberandu sta città da l’assediu ch’elli ci avèianu messu i Francesi, poi, direttusi a Genuva, custrinse e truppe di Francescu I chi ci prisidiavanu sottu a Trivulziu ad arrendesi.
Quindi, ricunquistatu e duie Riviere, Andrea cu i statuti detti di 1528, instituì u guvernu di i dogi biennali. In ricumpensa fù decretatu, per onorà u liberatore :

« Ch’egli fosse Priore perpetuo del magistrato dei sindacatori, che sedesse in Senato dopo il decano, che fosse ensente egli e i suoi sucessori da tutte le gravezze publiche, che col publico denaro si comperasse e gli si donasse una casa da San Matteo con la inscrizzionz : S.C Andreae de Auria Patriae liberatori Munus Publicum, e che gli fosse eretta una statua. »
Fù tandu ch’ella principiò a lotta di l’ammiragliu genuvese contru u famosu Khizr Kaireddin, dettu
Barbarossa, chi s’era impadrunitu di l’Algeria e predava e nave cristiane di u Mediterraneu.
Ne u 1530, Doria, cu vinti galere, saccheggiò e coste di Barberia e prese Cercelli dund’elleranu l’approviggionamenti di u corsariu ; impadrunitusi e parecchie nave, fece ritornu in patria induva Carlu V li cunferì ne a chiesa di San Larenzu l’ordine di a Toson d’Oro e li dede u principatu di Melfi.

One comment

Lasciate un cummentu ?

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.