U Corbu è a Volpe

In 1930, u ghjurnali Le Petit Bastiais hà publicatu una racolta di 37 fabuli di Jean de La Fontaine, tradutti in lingua corsa da un institutori bastiacciu chjamatu Louis Orsini.
A ridazzioni di Tempi hà u piacieri di principià incù voi a scuparta, o piuttostu a “riscuparta” di stu tisoru litterariu. Avemu da publicà una ogni settimana.
Sì vo aveti infurmazioni à prupostu di l’autori, Louis Orsini, l’aspittemu incù piaceri!

Un curbacchione
Nant’una canocchia
Avia un furmagliu in bocca.
Un vulpone :
U nasu in pannocchia,
Li disse tocca, tocca :
« Salute ! Scio di Corbu,
Cume bo site lisciu e bellu !
In tuttu lu Fiumorbo,
Un c’è più scicc’acellu,
E si bo sapete cantà
Site veru da innocchià ».
U corbu, a sa parulla,
In pensô più a nulla.
Apri tuttu lu bizzicu
E u furmagliu cascô, lizzicu, lizzicu
A Volpe si ne impadruni,
U manghiô e si mise a di :
« Chi sta sente
I vantadori.
Si ne pente.
E sô dulori.
Ma sta lezziunetta
Bale a so furmaglietta. »
U Corbu, tuttu cunfusu,
Fece un palmu e più di musu
E disse : « Da quind’in dà
Mai più mi si burlerà. »

Leave a Reply