L’onde mosse

Malgradu ogni timpesta l’acellu volta à u nidu
È ampara à vulà à i so acellucci
A vita và cusì, in un volu infinitu
Da sopr’à e cità, i monti è e casuccie

Malgradu ogni distenza a funa si pò stringhje
Cum’è un basgiu persu t’hè una strana lea
È ti senti una manu ch’ùn vedi è chì t’avvinghje
È ti cunducerà ver’ di un altr’odissea

Malgradu ogni ferita, u core hà a so cura
Un amore s’infrugna è a sulana affacca
Una luce tamanta quand’hè ora insicura
Hè cum’un’ acqua fresca à a to pelle macca

Malgradu ogni assenza, a vita pò fermà
È dà ci una ragione di scopre le so stonde
Chì ogni ghjornu novu hè da impruvisà
Cù un versu ritrovu di note vagabonde

Malgradu ogni spiccanza u fiume lestu và
Cù turrenti, ruscelli, è infiarati rii
À scappà pè a sponda per infine campà
Accoltu à l’onde mosse di i mari i più vivi

Lasciate un cummentu ?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.