A meriteremu, a Demucrazia ?

A Demucrazia si ne more.

Iè, si ne more, ma senza sipultura in u cimiteru di e cuscenze di l’omi. A Demucrazia ùn pò ne nasce, ne campà in e nazioni s’è l’omi ùn la tenenu cara assai, s’è ùn sò cuscenti di a furtuna di pudè votà, sceglie i so riprisintenti, prisentassi à l’elezzioni, di manifestà a so oppusizione ecc. Ma si ne more quandu u dibattu puliticu naziunale o lucale hè cunfiscatu da una bucciata di ghjente, pronti à tutti per priservà e so piazze ghjustu per u so interessu persunale, quandu a ghjente ùn s’interessanu piu à a vita pulitica di u so paese, à l’imbusche maiò, è preferiscenu ghjustu travaglià, cunsumà è dopu lagnassi. Hè chjaru chè a Demucrazia ùn more micca perchè hè debule, ma more perchè a ghjente sò debuli ! Anu lasciatu una bucciata di ghjente sceglie i so riprisintenti, ùn anu mancu manifestatu quandu eranu opposti à certe leghje vutate in a so Assemblea Naziunale, ùn anu mancu seguitatu i dibatti pulitichi ne lettu i prugrammi pulitichi. U rinculu di a Demucrazia in Occidente hè u fruttu d’una bancarotta cullettiva, di u populu chì, pocu à pocu, l’hà abbandunata, lasciendu una scelta culturale o ecunòmica sceglie per ellu. Ci simu, à noi stessi, cunfiscati a Demucrazia,  senza vutà, senza partecipà à a vita pulìtica. Hè à stu mumentu chè a Tirannia, ci assalta tutti, è vince.

”Iè ma capisci, travagliu eiu, ùn possu seguità l’attualità, ne vutà, ne opponemi” Fughjichje ! Ciò chè credimu acquistu cum’è u votu, u fattu di dibatte, criticà i guverni, ùn l’hè mai ; hè una lotta pupulare di tutt’i ghjorni per fà campà a Demucrazia. Hè quandu pensemu chè tuttu và bè, chè nunda di malu ùn si pò passà, chè noi fracassemu. L’allegria di a Demucrazia, pocu à pocu, ci hà fattu scurdà i strazii di a Tirannia, hè cusì demu un’opportunità à a Tirannia, dopu avè ghjurà chè ”Mai più” ùn ci lascieremu abbramà da ella di sorghje in i nostri cori.

Dapoi u principiu di a civilisazione, cinque mill’anni fà, a Demucrazia fù sempre una parentesi storica. Da u principiu, l’omi anu fattu a scelta di u despotisimu : imperu, monarchia divina, dittatori militari, Doge, prisidente elettu incù u 100% di i voti ecc. E forme di spressione di u despostisimu sò numarose. I mumenti di demucrazia sò rari cum’è a Demucrazia d’Atena, certe ripubliche o cità-Stati indipendenti per qualchi decenni d’anni ecc. I nostri dui seculi di demucrazia — insanguinati da e guerre è Occupazione straniera — sò unichi in a Storia di l’Occidente. Di più, ci vole à ramentà chè a Demucrazia ùn hè universale, mesi fà, u studiu statisticu fattu da The Economist dicia chè u 51% di a populazione mundiale campa in paesi autoritari. Cusì, no solamente a Demucrazia hè una parentesi di a Storia, ma tocca solamente qualchì paesi di u mondu.

Capimu allora chè s’è a Tirannia esiste è accaparra pocu à pocu i spiriti di l’omi, hè perchè noi a vulemu. Perchè, ùn agimu micca è simu allora accoliti di sta dirotta culletiva, ma dinù perchè ùn simu cuscenti di a realità di a nostra situazione, intrappulati in u nostru velu d’ignurenza.

In u 1937, durante a Tirannia di Stalin, Solzhenistsyn, in l’Archipelagu di u Gulag, dimustrò u fracassu cullettivu di a sucetà, chì si lasce accaparrà da u despotisimu in un terribile silenziu.

”Cumu si serianu passati l’affari, s’è ogni agente di pulizia pulìtica, quandu, per a notte và à arrestà à qualchissia, si dumandessi s’ellu avessi da vultà in casa vivu o mortu, s’ellu duvessi dì Addiu à a so famiglia? O s’è, per i periodi d’arresti di massa, cum’è per esempiu in Leningrad, quandu anu arrestatu un quartu di a cità, a ghjente ùn avessi aspettatu pusata, tremendu di paura è terrurizata per ogni colpu à e porte ma ch’ella avessi capitu chè ùn anu nunda da perde, s’elli avessinu priparatu una trappula in u casale ; meza una decina di parsona, incù accette, martelli è altre cose in mane…?

A sai, in issi tempi, chè sta ghjente vestita di turchinu, ùn era fora per u bè cumunu. È puderii esse sicuru di fracassà u capu d’un assassinu in quelli tempi. O à prupositu di Maria Nera, pusata in carrughju incù u solu vitturinu.
Cosa si seria passata s’è ella era stata capivultata o i so pinumatichi creppati? A pulizia pulìtica seria rapidamente tuccata da una penuria d’ufficiali è di trasporti è allora, tutta l’industria maladetta di Stalin, a so sete di sangue, seria arrestata.

È s’è… S’è… Ùn teniamu  abbastanza cara a Libertà! È ancu di più, ùn eramu cuscenti di a situazione. Avemu passatu tuttu l’annu di u 1917 à splusà in viulenza è dopu, ci simu abbrattati à sottumesse ci. Ci simu sottumessi incù allegria. Avemu puramente è simpliciamente meritatu ciò chì s’hè passatu. “

Lasciate un cummentu ?

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.