A Fiera di Baracci

St’11 è 12 d’Aostu, i loca di Baracci, annantu à a cummuna d’Ulmetu, anu accoltu a 25esima fiera di Baracci pà dui ghjorni di festa. Sta fiera hè nata 25 anni fà incù a meria d’Ulmetu, da avè un avvinimenti chì parmittaria d’aghjunghja ghjenti di u rughjoni di u Valincu-Sartinesi ind’un ambiu di spartera di prudutti lucali è d’amparera di sapè fà nustrali.

Prima, fiera di Baracci ùn ci hè n’era, chì a fiera di u Valincu-Sartinesi era in Cilaccia… Sta fiera era di più agricula, ci si truvaia allora monda bestiami, vacchi, porchi, ma di sicura dinù prudutti alimentari isciuti da l’agricultura : casgiu, robba purchina, oliu d’alivu… Cuncorsi di tastatura di prudutti, ghjudicati da ghjurati di a Camara d’Agricultura, cuncorsi di i più beddi bandi d’animali, canti corsi… A Fiera di Cilaccia, antinata di quidda di Baracci, era simplici è appriziata da tutti. Tuttu mondu ci prisentaia i so prudutti, è u so sapè-fà, ind’una sucietà chì era di più pasturali è di più agricula chì oghji…

Ma a Fiera di Baracci ùn hà persu manc’un’oncia d’autenticità, ancu s’edda hè una fiera piuttostu artisgianali. Ci si trovani cintinai d’artisgiani, chì pruducini in Corsica, da pruduttori di casgiu à cuncaghji o saldadori, passendu pà panaterii o ghjuviddirii… A diversità è a qualità di i prudutti chì pudemu truvà in sta fiera anu fattu a so pristanza d’oghji ! Sta fiera hè oghji urganizata da u Cumitatu d’Animazioni d’Ulmetu, chì s’accupa, incù a meria, di tutti l’avvinimenti di a cumuna. U prisidenti di a fiera, Duminicu Filoni, s’accupa ogni annu di a bon’andatura di a fiera, è travadda sempri pà ch’edda sighi una riescita, istati dopu à istati.

A fiera si passa dunqua in Baracci, accantu à i bagni caldi naturali, chì erani aparti à u publicu duranti tuttu u tempu di a fiera, è induva si trovani l’anziani (è manifichi) bastimenti di a famidda Ortoli chì funi custruiti duranti l’annati 1920-1930 è à l’abandoni dapoi l’annati 1980. U campu di fiera si stenda annantu à tutti i tarreni in giru à l’albergu, è ci pudemu ancu truvà spazii di ghjocu pà i ziteddi !

U prugramma di sti dui ghjornii ùn hè statu lebbiu : cuncorsu di bucciata, bichjeri d’amicizia, cuncerti di parechji musicanti è cantatori, messa, dimustrazioni di Quadrillu, baddi, è di sicuru un manificu focu d’artifiziu da fistighjà i 25 anni (è tanti più à vena) di riescita di sta fiera ! Ghjovani è menu ghjovani erani tutti insemi à fistighjà a sera, o à trasmetta i so cunniscenza a ghjurnata… À mezu à i stand di più di 100 artisgiani annantu à u campu di fiera, si pudia fà u passa è vena è ritruvà si à mezu à a Corsica antica, quidda di a spartera, di l’amparera, di u sapè-fà è di i tradizioni, quidda chì si perda ma chì ripidda appena fiatu novu duranti à avvinimenti cusì ! À ringrazià vi è à l’annu prossimu !

Lasciate un cummentu ?

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.