Un cantu per Simòn Bolivar – Pablo Neruda

Issu testu hè statu scrittu da Pablo Neruda in umaghju à Simòn Bolivar, omu rispettatu in tutta l’America suttana è cunnisciutu in u mondu sanu cum’è El liberador. Era u fundadore è prisidente di a Grande Colombia (1819-1830), cumandante di prima trinca ch’hà vintu a so guerra d’indipendenza, per a libertà di i populi crioli. – sò i figlioli di i culoni venuti da Spagna dopu à a scuperta di l’America da Cristobal Colomb in u 1492—

À Simòn Bolivar,

Babbu nostru chì stà in terra, in l’acqua, in l’aria
Di tutta a nostr’ampia stesa silenziosa,
Tuttu porta u to nome, o bà, in a nostra dimora:
Di a to casata, a canna alza à a dulcezza,
U stagnu bolivar hà un fulgore bolivar,
L’acellu bolivar nantu à u vulcanu bolivar,
U pomu, u salnitru, l’ombra singulare,
I currenti, e strade di petre fusforiche,
Tuttu ciò ch’hè nostru vene da a to vita spinta,
A to eredità funu fiumi, piane, campanile,
A to eredità hè u nostru pane d’ogni ghjornu, babbu.

U to picculu cadaveru di capitanu valente
Hà stesu in l’immensità a so forma metallica,
I to detti trà la neve sortenu prestu
È l’australe piscadore tira fora à a luce prontamente,
A to risa è a to voce palpitante in e so rete.

Di chì culore a rosula ch’inseme ch’alzeremu vicinu à a to anima ?
Rossa serà a rosula chì ricorda u to passu.
Cume saranu e mani chì tuccheranu a to cennera ?
Rosse saranu e mani chì nascenu di a to cennera.
È cum’è a grana di u to core mortu ?
Rossu hè a grana di u to core vivu.

Ghjè per quessa chì ci hè oghje a ronda di mani vicinu à tè.
Inseme incù a mo manu ci hè un’altra è un’altra vicina à ella,
È torna un’altra, sin’à a fine di u cuntinente bughjinosu.
È un’altra manu ch’ùn cunnuscisti allora
Ghjunghje dinù, Bolivar, à stringhje a toia:
Di Teruel, di Madrid, di Ghjarama, di l’Ebru,
Di a prighjone, di l’aria, di i morti di Spagna
Ghjunghje sta mane rossa ch’hè a figliola di a toia.

Capitanu, cumbattente, induve una bocca
Mughja libertà, induve un’arechja ascolta,
Induve un suldatu rossu rompe un fronte brunu,
Induve un alloru d’omi liberi s’affacca,
Induve una nova bandera s’adorna incù u sangue di a nostra insigne aurora,
Bolivar, capitanu, sfila u to visu.
Torna una volta trà polvera è fume la to spada stà nascendu
Torna una volta a to bandera, di sangue, s’hè ricamata.
A perversione attacca a to grana di novu,
Inchjudatu nantu à un’altra croce stà u figliolu di l’omu.

Ma versu a sperenza ci cunduce a to ombra,
L’alloru è a luce di a to armata rossa
Guardendu per u to sguardu à traversu a notte d’America.
I to ochji chì guardanu aldilà di i mari,
Aldilà di i populi incatenati è feriti,
Aldilà di e nere cità imbrasgiate,
A to voce di novu nasce, torna una volta nasce a to mane:
A to armata difende e bandere sacre:
A Libertà rimuscia e campane sanguinose,
È un terribile sonu di dulore precede
L’aurora arrussita da u sangue di l’omu.
Liberatore, un mondu di pace nascì in i to bracci.
A pace, u pane, u granu nascinu di u to sangue,
Di u nostru ghjovanu sangue venutu di u to sangue
s’affaccaranu pace, pane, granu per u mondu chì no feremu.

Aghju cunnisciutu à Bolivar per una longa matinata,
In Madrid, in u Quintu regimentu.
Babbu, dissi, sì o ùn sì o quale sì ?
È guardendu u quartieru di a Muntagna, rispose:
“Mi svegliu ogni cent’anni quandu si sveglia u populu.”

Pablo Neruda.

Lasciate un cummentu ?

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.