A piazza di a donna ind’a sucietà

A piazza di a donna ind’a sucetà hè sempre stata cuntrastata. Qualchì annu fà, sta piazza era à spessu in casa da allivà i zitelli è occupassi di a casa pè u maritu chì travaglia. Dipoi qualchì tempu, a situazione di a donna s’hè migliurata ma ancu oghje, à u 21simu seculu, ci sò sempre e discriminazione trà e donne è l’omi.

Ste discriminazione toccanu materie sfarente cum’è u travagliu, a scola, l’urganizazione di a vita di famiglia, a so presenza ind’a vita publica cum’è in a pulitica, a cultura o u sportu è ancu cù a viulenza annantu à e donne più impurtante chè annantu à l’omi.

A lege ci dice « à travagliu paru, paga para». Ma ci vole à dì chì sta lege ùn hè micca veramente appiegata. A paga di una donna hè inferiore à quella di un omu di 24% è st’inugualità si vede di più ind’è i quadri è pè i rivinuti i più alti. Una parte di st’inugualità si spiega incù u fattu chì e donne appiinu un travagliu à tempu parziale o un travagliu in u settore chì paga menu cum’è l’amministrazione publica o a salute o altri. Ma quand’è no paragunemu a paga di un omu è di una donna cù e stesse cundizione, ci hè sempre una discriminazione pura di 9,9%.

Ste discriminazione sò ancu più strane perchè e femine anu risultati più boni chè i masci à a scuola. Ste discriminazione si vedenu ancu pè a ritirata: e donne partenu à a ritirata un annu più tardi chè l’omi è anu diritti à a ritirata inferiori di 42%.

Si pò ancu spiegà cù a vita di famiglia : spessu sò e mamme chì stanu in casa pè occupassi di i zitelli quand’elli sò malati, in vacanza o quand’elli ùn anu scola. Ma ancu perchè à spessu, sò e donne chì s’occupanu di a casa, di fà da manghjà. E donne passanu, ogni ghjornu, quattru ore è mezu in casa cù i zitelli, contr’à duie ore è mezu pè l’omi. Si vede dunque chì e discriminazione trà e donne è l’omi à u travagliu sò ancu ligate à l’urganizazione di a vita famigliale.

E discriminazione si vedenu ancu in pulitica: a custituzione ci dice chì « a lege favurizeghja l’accessu legale di e donne è di l’omi à i mandati eletturali». Eppuru, sò più numarosi l’eletti omi chè e donne. A riprisentazione di e donne ind’i cunsigli regiunali o dipartimentali hè crisciuta incù a messa in piazza di i binomii.

Ma ancu ind’u sportu, u sportu feminile hè menu trasmessu à a televisiò chè u sportu maschile, cì hè menu donne chè omi ind’u sportu prufeziunale: 2400 donne pè 4600 omi in 2014. È ancu e paghe sò più debule pè e donne.

Ind’i media, a parità ùn hè presente: in u 2015 solu 14,5% eranu in prima pagine è solu 21,5% di e persone citate inde l’articuli sò donne.

Ancu ind’u mondu literariu è di u sinemà, e donne sò menu raprisentate. S’elle ci sò parechje attrice, sò menu numarose e donne direttrice di filmi. In e 69 edizione di u Festival de Cannes, solu una donna hà avutu a Palma d’oru.

Di più, e viulenze annantu à e donne sò più numerose chè annantu à l’omi. In u 2015, 122 donne sò state tombe da i so mariti pè 22 omi sicondu u ministeru di l’internu. 14,5% di e donne dicenu esse vittime di una forma d’agressione sessuale pè 3,9% d’omi sicondu Virage. Hè ancu peghju pè e furzature chì cuncernanu 62 000 donne pè 2700 omi. Ste viulenze sò sempre “tabù” chì solu 14% di e donne vittime di viulenze fisiche o sessuale da u so maritu si lagnanu di manera ufficiale à a gendarmeria.

Per compie, si pò dì chì a situazione di e donne hè cambiata postu ch’elle ponu avè un travagliu è ùn sò più e sole respunsabili di a casa è di i zitelli. Eppuru, ùn hè una situazione uguale cù l’omi per via di e discriminazione à u travagliu, ind’a vita publica è di tutte e viulenze ch’elle subiscenu. Ste discriminazione devenu esse dinunciate è smarrisce.

Leave a Reply