#IwasCorsica : Vi cridimu !

Cumencianu sempre cusì i fochi.  Piccule fiaccule ch’azzinganu d’altre, chì si riaghjunghjenu pianinu è finiscenu dà brusgià un locu sanu. Cumencianu sempre cusì i ribulione, un stridu, un bottu, un altru, è pò d’altri, una voce chi si fà più forte, una parolla più precisa, è subbitu ghjè una giritondula ch’un si pienta più.

L’elementu di parlatu ch’aprì a porta vene d’altronde : di i Stati Uniti. #Iwas17, #Iwas15, issu hashtag invita e vittime d’agressione sessuale à narrà, à dà un testimoniu, principiendu per l’età ch’elle avianu quandu ghjè accadutu. Infatti, issu hashtag s’assumiglia assai à d’altri ch’avianu scuzzulatu a Francia, #Metoo è dinù #Balancetonporc. Mà questi quì un avianu micca avutu un influenza cusì impurtante in Corsica. Perchè? Riposta sicura un ci n’hè, mà pudemu pensà chì  ghjè sopratuttu una quistione d’età, di generazione, #Iwas è Twitter avendu un publicu piuttostu ghjovanu, è a maiò parte di e femine ch’anu parlatu è urganizatu u muvimentu sò ghjuvanotte. Cume spessu, l’isula hà a so propia timpuralità, è cume hà dettu Laura Paoli-Pandolfi, “A liberazione di a parolla un sera micca un maremotu, mà piuttostu parechji marosuli lucali”

A sappemu chì nant’a nostra isula, in una cummunità cusì chjuca, l’anunimatu un esiste micca. Nimu un pò stà totalmente scunniscutu.a. Ghjè forse per què chì e vittime anu difficultà per sprimesi, perchè anu paura, perchè cunnoscenu bè i so aggressori, certe volte ancu e famiglie o l’amichi.e di l’agressore… Palisà issu secretu, parlà, accusà qualchissia, equivale à cunfruntassi à tutte isse personne, è duncque à piglià u risicu d’ùn esse criduta, è d’esse dopu messa d’à cantu, isulata. Ciò ch’hà permessu à tutte isse donne, zitelle è ancu omi di parlà, ghjè soprattuttu issa forza culletiva, issu slanciu di solidarità è di surellanza ch’hà arrecatu issu movimentu.

Prima, tuttu si passava nant’à a rete suciale, ognuna dicendu a soia. Certe zitelle anu l’idea sennata di riuniscessi in una cunversazione per sparte e so storie, per sustenessi, aiutassi. Anu bisognu à esse inseme, sopra tuttu perchè e reazzione un sò micca tutte benevulente. Si pò vede quì i segni di ciò ch’hè chjamatu «a cultura di a forzatura» : piuttostu chì quellu di l’omi, di l’agressori, ghjè u cumpurtamentu di e femine chi hè statu quistiunatu. Sò accusate di bugiardà, d’esse eccessive, di cercà l’attenzione ò d’avè elle-stesse “pruvucatu” a furzatura. Certi fanu usu di a minaccia, provanu di tutte e manere à falle stà zitte; le inghjulanu publicamente, mettenu ritratti intimi nant’à internet, certi vanu à vede e famigle, ecc. Tutti issi atti sò prove chì l’autore anu paura, mà prove prima di tutta un ubbligazione d’ùn rompe u silenziu, d’omertà (ancu se issa parolla hè stata troppu usata da i medii); per e femine, parlà, dinunzià cose cusì hè pruibitu, è sè parlanu quantuque, sò punite.

Capu di u curteghju in Bastia – Cécile Mansier

Mà tutte isse ghjuvanotte è donne tenenu forte, perchè sò inseme, è sanu chì u scopu hè primurosu : ghjustizia per e vittime, liberazione di a parolla, è fà chì a vergogna è a paura cambianu di latu.

Subbitu, si dicenu chì per arradicà issu slanciu, per incarnallu di più, devenu fà più grande rimore è mostrassi prisente fora, in carrughju. Pudemu rimarcà l’incredibile spuntanneità di issu movimentu. Capisce chì listesse disgrazie sò accadute à un gruppu di personne, scuntrà isse personne, lottà inseme cuntr’à un sistemu, una norma chì hà permessu questi crimine, mi pare chì ghjè l’essenza stessa d’un attu pulitcu. Urganizeghjanu duie manifestazione, a prima in Bastia, l’altra in Aiacciu. Eru quì per e duie, è vogliu dì chì, ancu se aghju l’abitudine di manifestà, isse duie marchje eranu frà e piu belle è e piu emuziunante ch’aghju fattu.

Frà i motti, si pudìa leghje è sente “Innò ghjè innò”, “Quand’ella dorme ghjè nò”, parechji detti à prupositu di u cunsentu, “Vittime, vi cridimu, stupratore, vi vidimu”, “Simu forte, simu fiere, feministe radicale è in zerga” mà dinù “Pigliate e nostre lagnanze”, “Pulizza, Ghjustizia, accantatu senza seguita, site cumplice”. Infatti, una di e cose chì hè stata dinunziata, hè chì ci sò assai lagnanze ch’un sò mancu ricivute dà a pulizza (ancu se ghjè illegale per elli d’un ricevelle…), è ci sò dinù monda affare chì sò classate “senza seguita” dà l’auturità ghjudiziale. 

Pudemu mirà a cumplessa ossatura di isse strutture chì prutegianu l’agressore, è dinù una visione di a sucetà, di i rolli di generu, di ciò chì l’omi ponu fà è cume e donne devenu esse (un parlemu manc’à pena di Polanski ricumpensatu dà i Césars o di Darmanin numinatu ministru di l’internu…)

Era a listessu tempu una manifestazione per l’esteriore, per l’istituzione cuncernate, per esse videvule dà tutti.e, mà dinù per tutte e vittime, per e donne è e zitelle, per noi, per sente ch’un siamu micca sole, mai più. Eramu monda, surprese.i è felice.i di truvassi quì, cusì numerose.i. Una stonda bellissima di cumpassione, di frizione, di zerga mà dinù d’amore. Un mumentu catàrticu, induve e vittime pudianu mughjà, pienghje, svucialà e so dulore, “Avia 14 anni, avia 11 anni, era un amicu, era u mio cumpagnu, aviu cunfidenza in ellu…”

Duie zitelle, cumosse, abbraccendu si durante a manifestazione. Ritrattu da Cécile Mansier

In fine, s’aprenu e bocche

Per dilla franca, facìa un pezzu ch’aspittavu un mumentu cusì in Corsica, è ùn pensu micca esse sola!

Forse à nostra sucetà isulana cumincia à svegliassi, à vedessi attraversu l’ochjii di quelle.i ch’anu troppu suffertu di u silenziu, di l’ignuranza, di l’illusione d’un “matriarcatu” chì certi si piacenu à affabulà. Issa chjuca cumunità induve ognuna.u pudìa imaghjinassi in sicurità hè forse scumpaginata dà tutte issu rimenu, mà mi pare ch’hè una tappa necessaria per tracambialla.  Tuttu u monde hà a so parte! Cumincemu assai prestu; cume si mughjava in e manifestazione : state à sente à e vostre figliole, educate i vostri figlioli (è un’hè micca unicamente per e Mamme!)

A seguita? E ghjuvanotte di Iwas anu arricogliatu numerose lagnanze, certe ch’ùn eranu mancu state riceve dà a puliza, è anu da fà tuttu ciò ch’hè pussibule per chì i culpevuli sianu ricunnisciuti è ricevinu sanzione, è per chì e vittime sianu prutette.

Militeghjanu dinù per corsi è intervenzione specifiche in scola nant’à u cussentu è l’agressione sessuale, in cullegii è licei, sistematicamente è al menu una volta l’anu.

E ghjè dinù un apertura, per scontri novi, è per d’altre discussione, azzione…

U focu brusgia sempre, mà un hè ch’un principiu. Tutt’ inseme, cuntinuemu à lottà è urganizacci per a ghjustizia, l’educazione, in issu slanciu di sulidarità è di surellanza.

Mattea Riu

Creditu fotograficu : Cécile Mansier

Lasciate un cummentu ?

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.