Innò à la lingua Corsa standardizata!

Allora ch’è nò ci truvemu in un periutu cumplicatu assai pà la nostra cara lingua materna , l’idea d’una lingua standardizata cresce , allora chì decisione ed evoluzione impurtante aspittate ùn spuntanu.

Pudariamu di sicura dumandacci ciò ch’ella hè una lingua Corsa standardizata , è sta dumanda hè di sicura legittima. Quand’ellu si dice lingua corsa standardizata , si sott’intende chì si face un mischiu di li parlà ch’è n’avemu in Corsica (i sfarenti dialetti) , è ch’ellu si piglie lu risultatu di quellu mischiu. D’altri paesi hanu avutu stu prucessu di standardisazione, essendu in un cuntestu linguisticu sfarente assai da lu nostru. Sò par asempiu lu Paese Bascu o la Catalogna ch’hanu avutu stu prucessu, scigliendu una varietà ch’hè divintata un standart , accittendu quantunque la variazione linguistica.

Fora chì , quand’ellu si guarde lu casu di la lingua corsa , l’affare hè sfarente assai è sopratuttu si pò paragunà lu casu nostru, à la situazione di li nostri Fratelli Sardi. Si cunnosce una scumpartera in trè categurie in Corsica : I parlà Cismuntinchi (settantriunali) , i parlà centrali ed i parlà pumuntinchi (meridiunali). Quella scumpartera studiata da la linguistica è la dialettulugia par un dettu , mostranu è la sapemu , un fattu impurtante : emu variazione linguistiche impurtante in l’inseme di li parlà , è parciunde ch’ùn si parle da la listessa manera da Capi Corsu à Sassari è Tempiu Pausania ( iè si parle Corsu in lu Nordu di la Sardegna !).

Fà un mischiu di l’inseme di li dialetti saria una manera di rende più povara la nostra lingua. A nostra lingua hè lu fruttu di l’unione di tutti li dialetti corsi , ed ùn pò esse lu fruttu d’un mischiu sinteticu chì , sicuramente ci purtarà à perde quella ricchezza. Hè dinò, abbandunà è sopratuttu rinigà un’evoluzione tremenda è tamanta dapoi la fine di l’Imperu Rumanu è la trasizione da lu Latinu à l’inseme di le lingue è di li parlà d’urigine latina. Più cà mai , tocc’à noi di difende la nostra identità linguistica , è già , à l’epica Petru Rocca in unu di li so discorsi , chjamava lu Populu di Cirnea à ricusà sta standardisazione!

Innò la pulinumia ùn hè un pesu ed un frenu à l’imparera di la lingua corsa in scola ! S’è nò vulemu esse militanti di sta lingua , tocc’à noi di parlalla , di trasmettella , di falla campà , è sopratuttu di purtalla in lu XXI esimu seculu , fendu atti cuncreti è forti : fendu una gramatica ed un’urtugrafia più giusta rispittendu ogni parlà ; pubblichendu arnesi addatti à l’imparera di la lingua corsa secondu lu rughjone , ciò chì oghje ùn asiste ancu. Ma sopratuttu saria ora chì una struttura forte cumposta da spizialistà di la lingua corsa sippia messa in ballu , da fane una accademia di la lingua corsa , chì parmettaria d’avè un occhju nant’à l’evoluzione di la lingua corsa , è ch’ella possi purtà risposte à l’inseme di le parolle nove chì mancanu à la nostra lingua , è chì pà disgrazia , pate di l’impresti in quantità fatti nant’à la lingua francese chì venenu à ruvinalla ed à strupialla.

Sippiamu pronti à difende la nostra lingua è tramandalla com’è l’emu sempre ricivuta da li nostri antenati chì elli , parlavanu un Corsu sputicu è schiettu , è micca una lingua standart ! Femulla finita incù discorsi chì ci portanu à caternu è sippiamu noi l’attori di lu riacquistu mudernu, quellu di lu XXI esimu seculu, chì sarà la salvezza di la lingua Corsa  di la nostra cultura è di la nostra identità!

Sempre Corsi

U Latinu

Lasciate un cummentu ?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.