”Lettera à u Generale Pasquale Paoli” Napoleone Buonaparte

A storia di Napoleone, tutt’u mondu a cunnosce in u mondu sanu: Imperatore di i Francesi ch’hà vintu è sottumessu guasi l’Auropa sana incù a forza di a so intelligenza militara, ch’hà prupagatu l’idee di a Rivoluzione francese incù u Codice Civile ecc, è ch’hè mortu in esiliu in l’isula di Santa Elena dopu à a disfatta di Waterloo di u 1815. Ma, a storia di a so ghjuventù paolista, pochi si ne ricordanu. Napoleone, natu u 15 d’Aostu di u 1769, qualchì mesu dopu à a disfatta di Ponte Novu, ingrandò incù l’idee è a fantasia di a Rivoluzione corsa. Quand’ellu hè natu, a so mamma, averia dettu “Hà da vindicà a Corsica sana”. Nanzu di diventà u ”Grande Napoleone” cum’è tuttu u mondu a sà, fù ripublicanu corsu è pruvò di luttà per una Corsica libera, ciò chì a Storia naziunale francese hà sempre ricusatu d’accittà, per priservà u so naziunalisimu d’assimilazione è impedì cuntradizzioni maiò incù u so rumanzu naziunale. In un prussimu articulu, spiegheremu e ragioni ch’anu cunduttu Napoleone Buonaparte, à cambià di campu.

Grazia à a Banca Naziunale di Francia, Tempi vi prupone oghje, per a prima volta, a traduzzione di a più famosa lettera di Napoleone, mandata à Pasquale Paoli, ind’u 1789.

U 12 di Ghjugnu di u 1789, mandò sta lettera à Pasquale Paoli :

”Generale,

Nascii quandu a patria periscia. Trenta milla francesi vumitati nantu à e nostre coste, annighendu u tronu di a Libertà in borri di sangue, tale, fù l’odiosu spettaculu chè vinissi u primu culpisce i mo sguardi. I gridi di u quellu chì more, i lamenti di l’opprimatu, e lacrime di u disperu ingironu u mo veculu da a mo nascita.

Eppò, abbandunaste a nostr’isula, è incù voi, si n’andò a sperenza di a felicità ; a schiavitù fù u prezzu di a nostra sottumissione. Accasciatu sottu à a triplice catena di u suldatu, di u ghjuristu è di u percettore, i nostri cumpatriotti si vidinu disprezzati, disprezzati da quali ch’anu e forze di l’amministrazione in mane. Ùn seria micca quessa, a più crudela di e straziere chè pudessi afflige quellu ch’hà sintimenti ? U sfortunatu Peruvianu chì perisce sottu à a spada di l’avidu Spagnolu, affligia un’angaria ulcerante ? I tradittori di a Patria, e vile anime, ch’hà pervertitu l’amore d’un guadagnu sorditu, anu per ghjustificassi suminatu calomnie contru à u Guvernu Naziunale è contru à a vostra persona particularamente. I scrittori l’admittanu cum’è una verità, i tramandanu à a pusterità.

Leghjendu quelli scritti, a mo ardenza s’hè incaldata, è aghju decisu di dissipà isse nebbie, figliole di l’ignurenza. U studiu di a lingua francese principiata ghjust’à tempu, longhe usservazione, è mimorie lasciate in u portafogli di i patriotti m’anu permessu di sperà qualchi sucessu. Vogliu chjamà à u tribunale di l’opinione, quelli chi guvernanu, spiegà e so angarie, è s’ella hè pussibile, interessà i virtuose ministri chì guverna u Statu à prupositu di a scelta lacrimevule chè ci cuntristi si crudelamente.

S’è a fortuna m’avia permessu di campà in a capiale, averaghju avutu senza dubittu altri mesi per fà sente i mo lamenti ; ma ubligatu di serve, sò ridottu solamente à fà publicità per e mo idee ; osinnò e mo idee ùn serianu sentite, o affugate da a clamore di l’interessatu. Ùn ferianu chè causà a caduta di u scrittore.

Sempre ghjovanu, a mo intrapresa pò esse temeraria ; ma l’amore di a verità, di a patria, di i mo cumpatriotti, questu intusiasmu chè sempre m’ispira, a perspettiva d’un megliuramente di a nostra situazione, mi susteneranu. S’è vi degnate, generale, appruvà un travagliu induve serà questione di noi , s’è vi degnate di sustene i sforzi d’un ghjovanu omu ch’avete vistu nasce, è chì i parenti anu sempre sustenutu u partitu, pensu chè u successu serà pussibule.

Speravu, qualchi tempu fà, di pudè andà in Londra per sprimavvi i sintimenti ch’avete fattu nasce, è parlà di e disgrazie di a patria, ma l’alluntanamentu hè un ostàculu. Venerà forse un ghjornu induve puderaghju francà quellu ostàculu .

Ùn importa u sucessu di a mo opera, sentu ch’ella pruvucherà contru à me a numarosa cuorte d’impiegati francesi chì guvernanu a nostr’isula, è ch’attacu ; ma ùn importa, s’ella pò aiutà a nostra patria ! Senteraghju rughje u cattivu, è s’è issu tonu casca, faleraghju in a mo cuscenza, mi ricurderaghju di a leghjitimità di i mo motivi, è, allora, à quellu mumentu, l’affrunteraghju.

Permettitemi, generale, d’offre vi l’umagi di a famiglia. Eh! Perchè ùn diceraghju piuttostu di i mo cumpatriotti ? Suspiranu, pensendu à u tempu induve speravanu a Libertà. A mo mamma, donna Laetitia, m’hà sopratuttu affidatu di rinuvà u ricordu di l’anni passati in Corti.

Sò, incù rispettu, generale, u vostru umile è ubbediente servitore.

Napoleone Buonaparte.

Auxonne en Bourgogne, 12 di Ghjugnu di u 1769.”

Lasciate un cummentu ?

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.