« Memoria », testimunianza è guerra

In a bughjura, infilarati, i ritratti di James Nachtwey – fotò-ghjurnalista stracunnisciutu chì hà cupartu pè esempiu a caduta di u muru di Berlinu o u genucidiu Rwandese – sò messi in scena di manera guasi cinematografica. In e sale di a Casa Auropea di a Futugrafia, in Parigi, da u 30 di maghju à u 29 di lugliu, s’hè viaghjatu framezu à i cunflitti i più tremendi d’iss’ultimi quarant’anni. Da a Palestina à u New York di u 2001 passendu pè l’Africa suttana di a fine di l’Apartheid, a spusizione Memoria – retruspettiva di più di 200 ritratti – palesa a suffrenza umana. A guerra, l’inghjustizia, a viulenza è a morte ne sò i so tema principali. A memoria, hè quella di J. Nachtwey. Ma u so scopu hè sopr’à tuttu d’intrattene a memoria cullettiva, da ch’elli ùn si riproducessinu i sbagli di u passatu. U fotò-ghjurnalista si cunsidareghja cum’un testimoniu, un messageru di a sorte di e pupulazione…

« Sò statu un tistimoniu. Un tistimoniu di sta ghjente spugliata – senza più nè case, nè famiglie, nè bracci nè anche, è nemmenu discernimentu. Eppuru, li fermava una cosa, a dignità, elementu irriducibile di l’umanu. Sti ritratti, ne sò a mo testimunianza. »

Guerra civile à u Salvadore, 1984

Crede chì u fotò-ghjurnalisimu pò pisà nant’à l’upinione publica. U prova dinò : in u 2015 à u Nepal, u so riportu annant’à u tarramotu hà permessu di sbluccà fondi internaziunali da aiutà e pupulazione.

Di sale in sale, un sintimu stranu invaisce u spittatore. Ind’un ambiente pisante, cresce a cumpassione di pettu à i sughjetti. I ritratti parenu pitture è rammentanu à u rinascimentu talianu, incù chjaruscuri à l’usu Caravaggio. A messa in scena hè anch’ella scura : solu i ritratti sò illuminati. Colla tandu un sintimu d’oppressione. Davant’à u riportu nant’à a fame nera in Somalia, ci vene u crescicore. Si risente ancu una sorte di culpabilità, di pett’à a solitudine d’issi corci.

Un battellu di migranti ghjunghje nant’à e coste greche. Lesbos, 2016

A parte di a spusizione chì m’hè piaciuta u più, hè quella nant’à e case d’urfagni in a Rumania di Nicolae Ceausescu. Quellu dittatore, chì vulia industrializà u so paese, avia bisognu d’una manu d’opara tremenda. E donne sò state furzate à fà à u minimu cinque zitelli. Miserose, e famiglie ùn eranu capace d’occupassine è tandu ublicate di piazzalli sott’à a cura di u Statu. Nascenu tandu i spaventosi « gulag pè zitelli », illustrazione d’una mancanza suciale straurdinaria. Mentre stu periudu, u corpu di e donne era propiu un strumente puliticu è ecunomicu. I zitelli ingrandenu in atroce cundizione, malati, senza cura, in prumiscuità… James Nachtwey trasmette u spaventu di e scene ch’ellu ritratta.

Inde l’ultima sala, un ritrattu cumove più cà l’astri. Hè u pianu maiò d’una migrante siriana chì, ghjunta in Lesbos, nant’à e coste greche, cappia duie lacrime. Si capisce quì d’una parte a dimensione suciale – è micca numerica – di a crisa attuale di i migranti, è d’un’altra parte, l’umanisimu di u futugrafa.

In fine di contu, sta spusizione si custruisce ingir’à un paradossu. Quellu frà a bellezza è u quadraggiu perfettu di i ritratti è l’orrore di ciò ch’elli mostranu. Forse chì a bellezza permette di suppurtà guai tamanti. Ghjè u principiu stessu di « i Fiori di u male » di C. Baudelaire. « M’ai datu a to fanga, n’aghju fattu oru. » A fanga sarebbe quì a miseria, cum’è quella di i tossicomani Pachistanesi. In quant’à l’oru, ghjè J. Nachtwey chì u trae da tuttu st’affannu è chì ci rigala una spusizione d’una qualità tremenda.

Nelson Mandela nanz’à e prime elezzione demucratiche d’Africa suttana. Soweto, 1994

Lasciate un cummentu ?

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.