Abortu è ubbiettori di cuscenza : in Italia, u caminu pè u dirittu à l’abortu hè sempre longu

L’abortu hè un sughjettu dillicatu. Hè un sughjettu chi mischia tante altre nuzione diverse è difficile, cum’è a quistione di u principiu di una vita, i diritti guardendu l’apprupriazione di u corpu soiu, è in pratica, a quistione di a saluta di e donne è di l’accessu à e cure. Tante nuzione implicanu etica, pratica, credenze, cù cunsequenze nant’à a legislazione è forse, a necessità di fà cuncessione per fà accittà u prugressu.

Maggiu di u 2018 : dopu un referendum, l’Irlanda diventa l’ultimu paese induve l’abortu è legalizatu. U so populu hà vutatu à u 75% a depenalizazione di l’abortu. In Europa, a legge nantu à l’abortu hè pè a magiore parte di u continente in favurevule à l’abortu, cù una permissione di praticà un’ Interruzzione Vulintaria di Gravidanza (IVG) sin’à 3 mesi pè la più grande parte di i paesi europei.

In Italia, a legge permette l’abortu da lu 1978, sin’à trè mesi cù una dumanda di a donna. In l’annu 2015, i tassi d’aborti calanu pè a prima volta da decenni, ma, sfurtunatamente, issa diminuzione ùn pò micca esse legata cù un’ evoluzione pusitiva in lu sistema di saluta e di prevenzione talianu.

S’è a legge taliana mette cum’è obligazione di assicurà un ambiente sicuru, cù un accessu facile à i mezi cuntracettivi è à l’abortu, certe dispusizzione legislative permettenu à i ginecologhi di ricusà a praticà di un abortu : l’obbiezzione di cuscenza.

A legislazione per l’abortu in l’Italia di  l’anni settanta

Per principià stu sviluppu annantu à a tematica di l’ubbiettori di cuscenza, duvemu fà un saltu in lu tempu, in l’anni settanta.

I muvimenti per i diritti di e donne piglianu un novu soffiu à st’epica in Europa. In Francia, Simone Veil diventa famosa pè u so discorsu pà a diffesa di a legalizazione di l’abortu. In Italia, a situazione è di più difficile. Prima di l’annu 1978, in un paese duve la religione è le tradizione anu un pesu più forte cà in Francia, l’abortu era consideratu cum’è un crimine. E donne ricunnisciute cum’è culpevule di u crimine d’abortu rischiavanu una cundanna carcerale, un medicu culpevule di avè praticatu un abortu dinò. In stu quadru di un’Italia tradiziunale è influenzata da a religione, ùn si parla mancu di i mezi di cuntracezzione.

In l’annu 1975, Emma Bonini è Adele Faccio, e due fundatrice dell’associu talianu pè i mezi di cuntracezzione (CISA), sò arrestate da a pulizia. Sò incagiunate di avè praticatu aborti clandestini. Quest’arrestazione saranu i sughjetti quotidiani di a pressa pè mesi è mesi. Da quì, i pulitichi ùn ponu più ignurà u problemu di salute publica di l’ aborti clandestini. Dopu trè anni di battaglia parlementaria, a legge pè a legalizazione di l’abortu hè publicata in lu 1978.

Ma sta battaglia hè stata acquista a u presu di cuncessione versu à parte conservatrice di i legislatori. Una menzione in a legge dispone chì “l’ubbiezzione di cuscenza esonera u persunale sanitariu ed esercente di l’ attività specificatamente e necessariamente dirette à determinà l’interruzione di gravidanza […]” (art. 9 di a Legge 194). E credenze di u persunale medicu ponu esse messe prima cù a dumanda d’abortu di a donna, eccezzione fatta di una situazione di periculu direttu pè a so vita.

Sta dispusizione legislativa hà permessu un progressu maiò in a sucità taliana, è di abunnaccià e parte e più riticente di a populazione è di i pulitichi.

Avà, questa dispuzione hè divintata un ustaculu, u più impurtante pè l’accessu à l‘abortu in Italia.

L’ubbiezzione di cuscenza, una cuncessione necessaria cù grande cunsequenze 

L’ ubbiettori di cuscenza anu sempre riprisentatu una parte impurtante di i medici, soprattuttu ind’è i ginecologhi : per decenni, à pocu pressu 1 ginecologu per 2 era un ubbiettoru. Da lu 2005, stu numaru hà cunisciutu una crescita maiò : oghje, parlemu di l’ 80% di i ginecologhi chi ricusanu a praticà di un abortu.

À u livellu di e regione, induve a quistione di l’ aborti si tratta cù la pratica pà strutture, u ministeru di a saluta hà publicatu in lu 2015 u parcentuale di  e strutture induve l’ aborti so praticati. S’è certe regione, cum’è la Tuscana o la Sardegna si ne surtanu bè, in altre regione cum’è u Bulzanu o u Molise mancanu e strutture.

tavella

Sta tavella ùn si spiega solu cù una crescita di u cunservatisimu in Italia è quella di l’influenza di a Chjesa (ancu s’ella pesa in a balancia da sicuru).
Un parametru chì pesa di più hè u fattu chì, un ubbiettoru di cuscenza ùn necessità nunda di più cà una firma nantu à un fogliu; esse un medicu, praticà aborti t’hà un prezzu. Prima, hè una pusizione vista cum’è pessima da a populazione, specificamente ind’e regione rurale. Un medicu chì pratica aborti hà da impettà si à e pressione, giudicamentu è forse minaccie. Pè avè una pace prufessiunale e suciale, firmanu a dichjarazione d’ubbiezzione di cuscenza.

Un altra ragione, simplice ma a più periculosa, hè u fattu chì menu i ginecologhi di una regione ricusanu di praticà aborti, più u tassu d’aborti hè altu pè i prufessiunali chì u praticanu. Hè un cerculu viziosu : i ginecologhi chì ricusanu di praticà un Interruzzione Vulintaria di Gravidanza trasferanu stu travagliu à l’ altri ginecologhi. Quessi si ritrovanu prestu à praticà solu aborti. Sta situazione sbilanciata crea impurtanti deserti medicali, certi centri praticandu aborti sò sbarsati cù dumande è ùn ponu micca trattà tutte e dumande in tempu, sapendu chì a limita pè l’ aborti hè di 3 mesi. I deletti per avè un IVG in certe regione anu ragione di a vulintà di e donne è di i so bisogni, ancu s’è e so vite sò in periculu. Di più, u materiale medicale pè praticà IVG sparisce pianu pianu ind’ e strutture induve i ginecologhi ùn praticanu micca aborti, ciò ch’impedisce, ind’u futuru, l’impiegu d’altri ginecologhi chì praticanu interruzzione vulintarie di gravidanza.

Decinni di donne anu cunnisciutu grave cunsequenze pè e so vite, forse cunsequenze dramatiche. In lu 2015, Valentina Milluzzo more dopu u rifiutu di i medici di l’ospedale induve ella era  presa pè una cura di praticà un abortu.

Clicà qui pè avè un intervista di a madre di Valentina nant’a morte di a so figlia.

A questione di l’ ubbiettori di cuscenze viaghja dunque aldilà di una simplice quistione di credenze o d’etica : oghje, cù l’80% di medici ubbiettori di cuscenza in lu paese, l’Italia hè  di pettu à un prublemu di salute  è di rispettu di i diritti fundamentali importantissimu.

L’ubbiezzione di cuscenza esiste forse in Francia : in a legge pè a legalizazione di l’abortu di lu 1973, detta legge “Veil”, l’ubbiezzione di cuscenza hè scritta neru nantu bianca cum’è un dirittu pè u persunale medicale.

L’ubbiezzione di cuscenza : una disposizione dà sguassà ?

A quistione principale chì si pone oghje hè quessa : oghje, pè garantì i diritti fundamentali di e donne è l’accessu à a saluta per elle, sarà l’ubbiezzione di cuscenza u nemicu da tumbà ? Duvemu caccià sta parte di a legge pè limità e cunsequenze ind’a sucità, pigliendu u risicu di incrispì i cunservatori, i religiosi ?
Stu dibattu piglia un giru impurtante oghje in Francia, cù l’esempiu talianu, è di più  in Irlanda induve a legge pè à legalizazione di l’abortu hà da affruntà una battaglia legislativa è parlementaria prima di esse definita è difinitiva.

 

Surghjente :
“Aborti in Italia: per la prima volta meno di 100mila” nuvembre 2015
http://www.vita.it/it/article/2015/11/03/aborti-in-italia-per-la-prima-volta-meno-di-100mila/137226/
Rapportu di u ministeru di a saluta di lu 2015 (tavella pagina 44)
http://www.salute.gov.it/imgs/C_17_pubblicazioni_2428_allegato.pdf

Lasciate un cummentu ?

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.