U Gallu è a Volpe

Nant’un forcu di lecciu
Stava alegru e guerdincu
Un gallu pasquarecciu
Battizatu : Rustinuncu.
A volpe, a bocca risa,
Li disse : Caru fratellu
A pace un si schisa :
Tra noi è fatta e c’u mertellu
Ha vulemu stacchità
Subitu, avale, avà
Fala ch’o ti abracci :
So finiti i matalacci ;
Finite sô e discordie,
Finiti sô l’inganni,
O opera di misericordie
So finiti li malanni.
Ma fala chi so pressatu.
E per tuttu aghiu d’andà
Riceve a manciata
Di sta gran nucità
-Chi gioja, chi cuntentezza,
Disse u galiu, cantichiendu.
E quanta dilicatezza
Chi tu hai, strada facendu :
Begu chi parli di cuore
E un n’aghiu più timore.
E per ciô chi dui cani
Si ne venenu a gran fratta
Strufinendusi le mani
Gridendu : A pace e fatta
Benenu per basciacci,
E tutt’inseme rallegracci :
Ava falu sta custi
In tre spalate seranu qui ».
-A bidecci, un possu stà
Aghiu troppu crse a fà
Serà per un altru ghiornu ».
E po perti ghiatta, ghiatta
Fughiendu cume una gatta.
U gallu, tuttu ridendu
E cun malizia fidighiendu,
Si mise a cantà forte.

O birbanti di sta sorte,
E un piacere doppiu
Di burlabi coppiu a coppiu.

MASSIME E PRUVERBI
-A chi stenta ,
E chi scurnocchia.
-Acqua chieta
Sfonda ripa.